Animali non troppo Fantastici

Enorme successo per il terzo capitolo della serie di Animali Fantastici, intitolato “I segreti di Silente”, con il ritorno in sala, dal 13 aprile scorso, del maghetto Harry Potter più amato di tutti i tempi: incantesimi, bacchette, draghi, babbani ed un pizzico di magia.

La nota negativa, però, è arrivata dalla Cina e non riguarda la recensione del film, bensì la sua stessa distribuzione in sala.


Sei secondi del terzo capitolo, che alludevano ad una passata relazione sentimentale tra Silente e Grindelwald, sono stati infatti tagliati per il pubblico del Paese asiatico.

Nella versione cinese del nuovo film è stato completamente eliminato il dialogo tra il personaggio di Jude Law e Mads Mikkelsen, in cui venivano pronunciate le frasi “perché ero innamorato di te” e “l’estate in cui io e Gellert ci siamo innamorati“.

Il resto della pellicola è invece rimasta identica, compresa la chiara percezione che i personaggi condividano un legame intimo.



L’autrice JK Rowling, nel 2007, aveva svelato l’omosessualità del professore e preside di Hogwarts Silente, anche se i film non avevano mai fatto esplicito riferimento al suo orientamento sessuale fino ad oggi.

In una dichiarazione a Variety, la Warner Bros ha detto di essere “impegnata a salvaguardare l’integrità di ogni film rilasciato” e che a volte questo significa fare “con estrema sensibilità” dei “tagli sfumati” per certi mercati.


Tutto ciò a conferma del fatto che la lotta contro i pregiudizi sull’omosessualità è sì una tematica molto discussa negli ultimi decenni, con passi importanti in avanti nel rispetto dei diritti e della dignità umana, ma purtroppo con ancora la presenza di opinioni contrastanti nel mondo.


Quello che possiamo continuare a fare, anche semplicemente nel proprio piccolo, ma non meno utile, contributo personale, è raccontare e contrastare il pregiudizio, attraverso una parola, un gesto, un pensiero: solo così il diritto di una reale uguaglianza può continuare ad esistere, dando la possibilità a tutti di esistere, amare e di sentirsi liberi di poter essere.


“Chiunque distrugge un pregiudizio, un solo pregiudizio, è un benefattore dell'umanità.”

(Nicolas Chamfort)



Dr.ssa Annunziata Perrino



Ti è piaciuto l'articolo? Condividi la tua opinione sull'argomento lasciando un commento!


33 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti