top of page

Gli Anime e l'infanzia

Il termine anime (アニメ) deriva dall'abbreviazione di animēshon (アニメーション), traduzione giapponese della parola inglese animation ossia "animazione". C'è poi chi riconosce l'origine del termine nel francese "animé" che riporta in ogni caso al concetto di animato. Gli anime non sono ritenuti adeguati alla visione di bambini se non accompagnati da un adulto in alcuni casi in quanto la maggior parte di essi, sebbene confusi con cartoni animati della Walt Disney, trattano tematiche complesse e delicate non sempre con mezzi espositivi adatti ai bambini e affinché essi ne possano cogliere il significato. Molti anime possono addirittura turbare i più piccoli per temi di carattere sessuale, scene forti, abusi di droghe e questioni morali. Alcuni anime hanno come protagonisti adolescenti altri sono incentrati sulla vita di adulti. Gli anime sono da distinguere dai cartoni animati in quanto con questo termine ci si riferisce a cartoni giapponesi che trattano tematiche anche nelle modalità non idonee e congrue alla fascia d'età infantile. Esiste una classificazione interna agli anime che vede il manga Kodomo come protagonista per i bambini, il manga Shonen è per ragazzi dai 12 ai 18 anni, il manga Shoujo è per ragazze di età tra 12 e 18 anni. Josei manga è consigliato alle donne sopra i 20 anni, mentre il Seinen manga è per i giovani uomini tra i 18 e i 30 anni. È bene comprendere la netta differenza che vi è tra cartone animato classicamente inteso in Occidente e lo stile orientale degli stessi che si diversificano nelle immagini, colori, ritmi scenici, protagonisti e temi. Per questa ragione i cartoni della Walt Disney a cui tipicamente si espongono i bambini più piccoli non sono da equiparare agli anime che richiedono una elaborazione di contenuti più complessa a cui i bambini non sono in grado di accedere per motivi evolutivi. È bene attenzionare ciò che i più piccoli guardano in televisione e non dare per scontato che ciò che viene fatto intendere come "cartone" per via di immagini colorate sia realmente consono a soggetti in tenera età.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Safe zone nel bambino

La safe zone è uno spazio psicologico nel quale ci si sente sicuro, a proprio agio, distesi e rilassati. Se volessimo riportare questo concetto nell'ambito dello sviluppo psicologico ed emotivo-affett

Passione e infanzia

Per passione si intende una vivace inclinazione, un sentimento acceso, entusiasta e vivo. Nonostante la fasi dell'infanzia ed evolutiva in generale, siano idealmente quelle contraddistinte da maggiore

Come gestire le bugie nel bambino

Punire, o minacciare, non serve a evitare che i bambini dicano bugie. La scienza neurologica e la pedagogia informano i genitori circa le adeguate strategie funzionali ad evitare questa naturale tend

Comentários


bottom of page