top of page

Routine e apprendimento.

Quando si parla di routine si fa riferimento un'attività che viene ripetuta nella pratica quotidiana e diviene parte integrante di essa. La routine, nel caso di bambini sia fisiologici che con disturbo del neurosviluppo, può essere considerato un buon compromesso per la costruzione di nuovi apprendimenti. Per far sì che ciò avvenga, però, è necessario che si seguano degli step e passaggi fissi che si ripetono inizialmente in maniera rigida, fissa ed invariata. Lo stesso vale per il contesto nel quale la routine viene espletata e l'orario del giorno; ad esempio una routine per il bambino può essere quella della colazione al risveglio, il lavaggio dei dentini dopo aver consumato un pasto, la favola della buonanotte, fare il bagnetto prima di mettere il pigiama la sera, lavare le mani quando si rientra a casa e così via. Si tratta di inscrivere nelle proprie azioni delle abitudini che diverranno integrate nella nostra giornata e messe in atto in maniera naturale. Molti bambini, specie con disordini del neurosviluppo, avendo un sistema di elaborazione sensoriale più complesso hanno difficoltà ad accettare l'uso dello spazzolino, il lavaggio delle mani, l'immersione del corpo nella vaschetta per fare il bagnetto e molti cibi vengono rifiutati durante il pasto. Per queste ragioni essi devono essere adeguatamente e gradualmente accompagnati all'introduzione di queste esperienze nella giornata come routine, costruendo un'agenda visiva che li supporti nei passaggi da effettuare, distraendoli durante il processo, utilizzando il rinforzo positivo al termine della catena comportamentale eseguita, fornendo un premio motivante per loro. Così facendo, nel corso del tempo, la routine interiorizzata potrà essere generalizzata anche in altri contesti e orari, staccandosi dalla rigidità iniziale e divenendo un comportamento naturalmente eseguito ed inserito nella quotidianità. Se tutto ciò risulta valido in bambini fisiologici, nel caso di disordini del neurosviluppo così come nel disturbo dello spettro autistico è altamente efficace al fine di garantire l'accettazione di schemi comportamentali funzionali nel vivere di tutti i giorni e rispetto ai quali hanno difficoltà.


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Safe zone nel bambino

La safe zone è uno spazio psicologico nel quale ci si sente sicuro, a proprio agio, distesi e rilassati. Se volessimo riportare questo concetto nell'ambito dello sviluppo psicologico ed emotivo-affett

Passione e infanzia

Per passione si intende una vivace inclinazione, un sentimento acceso, entusiasta e vivo. Nonostante la fasi dell'infanzia ed evolutiva in generale, siano idealmente quelle contraddistinte da maggiore

Come gestire le bugie nel bambino

Punire, o minacciare, non serve a evitare che i bambini dicano bugie. La scienza neurologica e la pedagogia informano i genitori circa le adeguate strategie funzionali ad evitare questa naturale tend

Comments


bottom of page